GIORNATA MONDIALE della TERRA: rispettiamo il nostro pianeta

Istituita dalle Nazioni Unite per richiamare l’attenzione al rispetto del nostro Pianeta, la GIORNATA MONDIALE DELLA TERRA, che ricorre il 22 aprile di ogni anno, è la più ampia manifestazione ambientalista al mondo.

Giornata Mondiale della Terra

I Paesi coinvolti sono ben 193 e oltre 22.000 le organizzazioni!

Tema focus di quest’anno sono le specie a rischio di estinzione.

Tantissimi gli eventi in programma che, a partire dal 22 aprile, coinvolgeranno i cittadini anche in Italia. Trovate l’elenco qui

Oltre alla possibilità di partecipare a questo eventi, possiamo sensibilizzare i nostri bambini facendo con loro una gita nella natura, per mostrare loro a cosa rischiamo di rinunciare se non poniamo maggiore attenzione alla salvaguardia dell’ambiente.

Inoltre, possiamo dare il buon esempio partendo da piccoli gesti quotidiani: evitare gli sprechi, utilizzare materiale riciclabile, non gettare rifiuti nei prati sono solo alcune delle piccole azioni che possiamo mettere in atto.

Le origini della “giornata della terra”

La prima idea di istituire una “Giornata della Terra, si deve, nel 1962, al Presidente americano Nelson, che per primo ritenne fondamentale portare i cittadini a riflettere sull’importanza e sul diritto di vivere in un ambiente sano e sostenibile.

Dopo anni di valutazioni e discussioni, questa idea prese poi forma nel 1969, a seguito del disastro ambientale causato dalla fuoriuscita di petrolio da un pozzo in California, quando chilometri di coste furono ricoperti di petrolio e diversi uccelli e specie marine morirono.

Il 22 aprile 1970 migliaia di universitari e cittadini, che prima di allora avevano combattuto singolarmente per il rispetto dell’ambiente, si unirono in una manifestazione per richiamare l’attenzione contro il degrado ambientale.

Da allora, ogni anno, questo diventa un momento per riflettere sullo stato di salute del nostro Pianeta e per valutare le possibili azioni da intraprendere per la sua salvaguardia.

RISPETTIAMO IL NOSTRO PIANETA


Precedente PIZZOCCHERI: una squisita specialità valtellinese Successivo ISOLA DI PORQUEROLLES: a piedi o in bici alla scoperta di una natura selvaggia e incontaminata

Lascia un commento